SanPietroburgo.it s.r.l. - Via San Senatore n. 2 - 20122 Milano - Tel: 02-867211 / 02-84256650 - Fax: 02-700434094

ORARI APERTURA: lunedi/venerdi 9 - 19.00 orario continuato, sabato 9.30 - 12.30

Home       Chi Siamo      Newsletter      Offerte       Area Downloads       Scarica il catalogo       Contatti

Tour individuali in hotel
Tour di gruppo in hotel
Viaggi in Camper
Viaggi a Samarcanda
Crociere Fluviali in Russia
Viaggi in moto
Transiberiana
Viaggi di Nozze in Russia
Viaggi di istruzione
Studiare Russo
  Visti per la Russia
  Altri visti
  Voli per la Russia
  Prenotazione Hotel
  Appartamenti
  Treni russi
  Vendita immobili
  Notti Bianche
  Hermitage
  Rivoluzione russa 1917-2017
  Auto d'epoca
  Anello d'Oro
  Cultura
  Vivere SPB
  Foto Gallery
  Saintpetersbourg.net
  Salento Viaggi Vacanze
  Appartamenti Otranto
  Scambio link




Da 1440 euro

valida fino al

30/06/2017

Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2017

Da 1490 euro

valida fino al 30/06/2017

Da 1790 euro

valida fino al 30/06/2017

Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2017

   Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2017

   Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2017

1490 euro

valida fino al

30/06/2017

1790 euro

valida fino al

30/06/2017

1440 euro

fino al 30/06/2017

1340 euro

fino al 30/06/2017

790 euro - tutto compreso!

offerta tutto compreso

fino al 30/06/2017

1340 euro

fino al 30/06/2017

790 euro - tutto compreso!

offerta tutto compreso

fino al 30/06/2017

Scopri tutte le nostre offerte del mese!


Viaggi a Samarcanda (Uzbekistan)
Il mito di Samarcanda Uzbekistan Citta' dell'Uzbekistan Cucina,folklore,tradizioni La via della seta
Personaggi Tappeti orientali Le 1000 e una notte.. Fotogallery Contatti
Viaggi Samarcanda 2017 Tour "Via della Seta"
12 giorni /10 notti
Tour Uzbekistan Classico
9 giorni / 7 notti
Tour liberi Offerte e Promozioni
   

Cucina, Folklore, tradizioni


viaggi in uzbekistan offerte tour uzbekistan Il popolo uzbeko ha il grande merito di aver creato una cucina unica ricca di sapori. Come buona parte delle tavole dell’Asia centrale, anche quella uzbeka presenta piatti, profumi e gusti simili al mondo mediorientale e mediterraneo, con un largo uso di riso, condimenti saporiti, verdure e legumi, yogurt e carni grigliate. Se nel nord abbondano i pasti a base di riso, kebab, tagliolini e pasta, stufati, pane e pasticceria elaborata, al sud prevalgono condimenti più delicati e dolci di prima qualità. Le stagioni, specialmente l’inverno e l’estate, influenzano la composizione del menu principale. In estate, la frutta, le verdure e le noci sono universali, specialmente uva, meloni, angurie, albicocche, pere, mele, melograno, limoni, cachi, mele cotogne e fichi. Le verdure non sono meno abbondanti, tra cui alcune specie meno conosciute come ravanelli verdi, carote gialle e pomodori dolci. La dieta in inverno, invece, consiste di frutta secca, verdure e conserve, tagliatelle e piatti di pasta.

A prevalere a tavola è la carne, specie di agnello e montone, anche se non mancano il manzo, la carne equina e quella di suino (diffusa tra i non musulmani). Una minoranza coreana consuma la carne di cane, mentre cammello e capra sono presenti in alcune case. Le pietanze sono insaporite da semi neri, pepe rosso e nero, coriandolo, cumino e semi di sesamo, aneto, prezzemolo e basilico. Ogni pasto viene accompagnato dall’indispensabile pane locale, il nan (in russo lepyoshka), dalla tipica forma rotonda (simile ai bagel americani) che varia da una regione all’altra. Molto spesso viene cotto nei forni “tandoor” e servito con il tè. Alcune varietà si preparano con le cipolle o la carne, altri vengono ricoperti di semi di sesamo o kalonji.


Il Plov voli uzbekistan
Il Plov è il piatto principale della cucina uzbeka. Viene servito durante i matrimoni, per celebrare l’arrivo di ospiti importanti o in occasione delle principali feste. In ogni zona dell’Uzbekistan si possono trovare piatti a base di riso, ma il plov , la cui ricetta ha origine in tempi antichissimi, è considerato da tutti il capolavoro della cucina locale. Vi sono molte storie e leggende sulle qualità del plov. Gli uzbeki ritengono che il nome “plov” contenga le prime lettere dei nomi uzbeki degli ingredienti base di questo piatto: cipolla, carota, carne, olio, sale, acqua e riso.
Il plov è sempre stato il piatto principe della cucina uzbeka. Alcuni secoli fa nelle famiglie ricche veniva cucinato quasi ogni giorno. Le famiglie benestanti lo mangiavano una volta la settimana, il giovedì sera. Le famiglie più povere, invece, godevano di questo piatto soltanto in occasione delle grandi feste.
Nelle famiglie uzbeke le donne si occupano di cucinare ogni giorno, ma si dice che siano gli uomini a possedere le qualità per cucinare un ottimo plov.
Nella cucina uzbeka vi sono più di 50 qualità di plov: con carne o pollo, piselli o patate. Può essere cucinato a vapore o a base di carne di pecora. Ad esempio la variante della regione di Samarcanda utilizza anche mela cotogna e aglio. Le antiche ricette per il plov, con carne di quaglia e uvetta, oppure plov fatto con riso ceroso, sono rimaste invariate sin dal X-XII secolo.
Il procedimento di preparazione del plov somiglia quasi a un rito. Per fare un buon plov è necessario utilizzare una pentola in ghisa con una base rotonda, un set di coltelli affilati e una schiumarola di metallo.
Di solito il team di aiuto-cuochi pela e taglia a pezzetti le cipolle e le carote. Le migliori carote per il plov sono quelle di colore giallo chiaro, non le tipiche arancioni. Il riso va lavato con cura e a volte viene lasciato a bagno in acqua. Viene fatto scaldare in una pentola del grasso di pecora o olio vegetale . Quindi inizia il processo di preparazione dello zirlak, la base del plov. Dopo aver soffritto la cipolla nell’olio bollente, vanno aggiunti i pezzetti di carne (a seconda delle ricette carne di montone, di capra, manzo o cavallo). La carne viene cotta finchè non compare una crosta di colore rosso. Aggiungere poi le carote e farle cuocere un po’. Aggiungere poi acqua e continuare la cottura a fuoco lento. Lo zirlak, aromatizzato con sale, paprika, peperoncino, semi di cumino e crespino dovrebbe risultare trasparente.
Segue, quindi, il momento cruciale della cottura: l’aggiunta del riso. E’ bene ricordare che il riso, come elemento base dell’agricoltura veniva coltivato in Asia Centrale sin dai tempi antichi. Il ricercatore americano (specializzato sulla Via della Seta) Rafael Pampelly, scoprì nei pressi della capitale del Turkmenistan (Ashgabat) l’antica cultura di Anau risalente al IV-III millennio a.C. Qui trovò frammenti di un’antica tavola ornata con grani di farina, riso e offerta uzbekistanorzo. Gli archeologi mostrano come il riso venisse coltivato nella valle di Fergana. Nella sua opera intitolata “Geografia”, l’antico storico e geografo greco Strabone narrò che le tribù Saka e Massagete situate nelle terre a Est del Mar Caspio “seminavano chicchi perlacei”.
La miglior varietà di riso per il plov è il devzira, una varietà locale ottenuta da una selezione avvenuta nel corso dei secoli. Secondo le cronache storiche, nel X e XI secolo, l’epoca degli stati Samanidi, il plov fatto con il riso devzira veniva servito a corte durante le feste.
Il plov viene servito su grandi piatti di ceramica. Il riso viene posto a piramide e i pezzi di carne vengono messi in cima. Il tutto viene cosparso di verdure finemente tagliate.
La ricetta del plov uzbeko venne tramandata non solo di generazione in generazione, ma anche da un mercante all’altro lungo la famosa Via della Seta. Anche se con alcune piccole modifiche legate soprattutto alla reperibilità degli ingredienti e ai gusti locali, è diventato un piatto popolare tra tutti i popoli asiatici, dalla Cina all’Azerbaijan.
Il plov fin dai tempi più antichi è sempre stato considerato un piatto sano e nutriente. Infatti contiene carboidrati, grassi e proteine in pari quantità.
In genere il plov è un piatto che viene servito per lo più a cena. Viena accompagnato con vari tipi di insalata che arricchiscono di vitamine il piatto e lo rendono più facilmente digeribile.

viaggi uzbekistan aprile

Altri piatti tipici
Altri piatti della tradizione sono lo shashlyk , noto anche come kebab , ossia pezzi di carne di montone cucinati allo spiedo, sulla brace, e serviti con cipolla e nan , e il samsa, fagottini di pasta sfoglia ripieni di carne e verdura (cipolle o zucca, patate, cavolo, funghi o noci) e cotti nel tandyr (o tandoor), un forno tradizionale di argilla, a forma cilindrica, riscaldato con carbone. Oppure i manty, dei grandi 'ravioli cinesi' ripieni di carne finemente tritata, marinata con spezie e cipolla, quindi cotti a vapore in uno speciale recipiente (il kaaskan).
Il tè è onnipresente, ed esistono usanze e riti particolari per la sua preparazione. Se il tè verde è la bevanda dell’ospitalità in tutto il paese, il tè nero è una scelta obbligata nella capitale, dove viene servito con samsa, pane e fritti. La ‘Choyxona’ (la casa da tè) è un centro di incontro importantissimo per la società uzbeka. Posizionato sempre all’ombra, sotto gli alberi e preferibilmente vicino a un piccolo fiume, è un luogo dove si radunano uomini e donne per interagire e discutere. Nonostante la religione prevalente sia la musulmana, quasi tutti gli uzbeki bevono alcolici e, da buona tradizione russa, prediligono la vodka, che spesso si sostituisce alle bevande da pasto, specie se ci sono ospiti a tavola.

 

viaggi uzbekistan maggioSamsa (involtini alla zucca)
Ingredienti (per 4-5 persone)
200 gr di zucca
Pancetta dolce o grasso
2 cipolle
Sale e pepe
Pasta sfoglia
2 uova

Preparazione
Tagliare la zucca a piccoli cubetti, tritare la cipolla. Unire zucca e cipolla e aggiungere la pancetta a cubetti, il sale e il pepe. Se si vuole mettere un po’ di olio. Stendere la pasta sfoglia fino a raggiungere 2-3 cm di altezza. Tagliarla a dischi, aiutandosi con un bicchiere, e stendere ogni cerchio per allargarlo un po’ di più. Mettere al centro l’impasto a crudo di zucca, cipolla e pancetta. Chiudere la pasta a triangolo. Spennellare la parte superiore del triangolo con l’uovo (sbattendolo prima, per unire tuorlo con albume). Cuocere in forno a 180° per circa mezzora, fino a doratura della crosta di sfoglia. Mangiare tiepido o freddo.

viaggi uzbekistan giugnoMantyviaggi uzbekistan luglio
Ingredienti
Per il ripieno di carne:
1 kg di carne di montone, agnello o manzo
4 cipolle grosse
100 gr di grasso della coda
1 cucchiaio di pepe nero macinato
1/3 di tazza d’acqua
3-5 grani di pepe e del sale

Per la pasta:
500 gr di farina
1 cucchiaio di sale
1 tazza di acqua

Preparazione
Tagliare la carne in piccoli pezzi o macinarla. Tagliare il grasso della coda e aggiungere le cipolle tagliate a rondelle e il pepe macinato. Lasciare riposare e insaporirsi. Lavorare gli ingredienti per la pasta fino a ottenere un impasto omogeneo e sodo, come quello per la pasta. Lasciare riposare per 10-15 minuti. Stendere la pasta e tagliarla in dischi sottili. Fare delle piccole palline dell’impasto (delle dimensioni di una noce o un po’ più grandi a seconda la dimensione del disco di pasta) e appoggiarle sui dischi di pasta, con l’aggiunta del grasso di coda (in sostituzione pancetta). Chiudere i dischi su se stessi (come da dimostrazione nell’aula). Disporre i manty sulla grata della vaporiera, da ungere con un po’ d’olio (in Uzbekistan si usa una pentola speciale, chiamata kaaskan). Spruzzare i manty con dell’acqua e cuocerli al vapore per circa 45 minuti. Disporli su di un piatto, cospargendoli con pepe nero e/oppure panna acida, o salsa di soia. Servirli caldi. A volte i manty vengono messi 3-4 per porzione, in ciotole tipiche- lyagan.


viaggi uzbekistan agostoCiak Ciak (tipico dolce tartaro, diffuso in Asia centrale)
Ingredienti
Per l’impasto:
5 uova
1 cucchiaio di latte
2 cucchiai di vodka
½ cucchiaio di bicarbonato
½ cucchiaio di sale
800 gr di farina
Olio da friggere

Per la glassa:
1 bicchiere e mezzo di miele
1 bicchiere di zucchero

Noci (per guarnire alla fine)

Preparazione
Preparare l’impasto unendo tutti gli ingredienti fino a ottenere un insieme omogeneo. Far riposare per 20 minuti, al coperto. Stendere la pasta molto fine, tagliare come gli spaghettoni, vermicelli oppure a diverse forme geometriche (ad esempio quadrati). Friggere tutto, molto velocemente! Mentre i ciak ciak si raffreddano, cuocere il miele con lo zucchero (per circa 5 minuti). Mettere su un piatto uno strato di pasta fritta, quindi versare il miele in glassa, aggiungere delle noci, pressare (attenzione, è molto caldo). Aggiungere un secondo strato di pasta fritta e di glassa di miele, continuare così fino a terminare impasto e miele. Dare la forma preferita al piatto, di solito si segue la forma di un cono. Servire freddo.


viaggio uzbekistanLa festa del Navrus
Quando, il 21 marzo di ogni anno, secondo il calendario astrologico, il sole entra nel segno dell’Ariete, in Uzbekistan si celebra l’antichissima festa di Navruz. E’ una festa celebrata da tutto il popolo uzbeko da più di 2500 anni. Di importanza non trascurabile, per quel che riguarda il sentimento di appartenenza identitaria del popolo uzbeko, il Navruz ha contribuito al recupero di tradizioni, arte e folklore interpretati in senso nazionalistico. Così l’antico storico greco Strabone, ha descritto la celebrazione di Navruz: “Dai tempi antichi fino ad oggi la gente di Transoxiana si raccoglieva nel tempio del fuoco proprio in questo giorno. Questa è la più sacra delle feste, i commercianti chiudono il proprio negozio e gli artigiani arrestano il proprio lavoro. Ognuno si diverte, offrendosi, l’un l’altro, bevande e alimenti che siano stati toccati dal fuoco”. Le origini di Navruz sono, senza dubbio, persiane e sono collegate alla dottrina ideologica di Zoroastro, che contrappone la luce alle tenebre, la vita alla morte, la materialità alla spiritualità.
Soffermiamoci sul significato etimologico della parola Navruz, che vuol dire “nuovo giorno”. La festa che, per il popolo uzbeko, segna l’inizio del nuovo anno, è un momento particolarmente propiziatorio perché festeggia l’aumento delle ore di luce rispetto a quelle di buio, che proprio nel solstizio di primavera, il 21 marzo, diventano numericamente uguali.
Il Navruz sotto questo aspetto, deve essere visto come la celebrazione della vita che rinasce, riconducibile alle manifestazioni del risveglio della natura, dell’agricoltura, e quindi all’intensificarsi delle relazioni umane, sollecitate dal prolungarsi delle ore di luce. Un’antica festa di masse, di propiziazione vegetale, che simboleggia nella sua ricorrenza stagionale, una ritualità di comportamenti ed atteggiamenti dettati dai valori che caratterizzano l’identità etnica del popolotour samarcanda uzbeko, specchio di sincretismi culturali, per le convivenze multietniche prodottesi all’interno di questo paese situato sulla Via della Seta. Per il popolo uzbeko il 21 marzo rappresenta un giorno di “spaccatura” tra il vecchio ed il nuovo. Con l’inizio della produzione agricola, la terra seminata germoglia i suoi frutti, nella rinascita alla vita, al rinnovamento, nonché alla gioia e alla spensieratezza. E’ su queste note di positività che la Festa pagana di Navruz struttura i suoi significati simbolici più antichi e profondi. Le festività si svolgono durante le ore del giorno e coinvolgono interi nuclei familiari (hashar). Il 21 marzo scandisce l’inizio delle celebrazioni, che si protraggono per tutti i 13 giorni successivi. La “rinascita” investe in pieno la vita della gente. Le case sono pulite minuziosamente. La biancheria è lavata e riordinata. Vengono buttate le cose vecchie e logore, come vestiti e mobili. Si comprano semi di alberi da frutto da piantare nel giardino della propria abitazione. I rami dei peschi, del mandorlo e del melograno che hanno prodotto boccioli dai brillanti colori pastello, vengono mirabilmente composti in vasi, per far entrare in casa quel senso di colorata allegria primaverile. E’ doveroso comprare nuovi vestiti da indossare durante le celebrazioni della festa. Indossare un abito “nuovo” rientra nei progetti propositivi che caratterizzano il tempo di Navruz, contribuendo all’augurio di ogni sorta di bene e positività. Con il “nuovo” abito si andrà a rendere visita a parenti ed amici, anche a coloro con cui si è in inimicizia, perché il Navruz rompe con il passato ed apre alla riconciliazione. Chi ha litigato deve far pace. Chi ha debiti, deve saldarli. Chi non ha perdonato, deve perdonare. Tutto ciò ha un parallelismo con la simbologia della luce che trionfa sul buio, nutrendo la vita e l’amore. Nei parchi e nelle piazze, circondate da alberi in fiore, tutti godono una esaltante allegria. I personaggi tradizionali, Bahor-Hanum (La Primavera), Dehkan-Bobo (Il Coltivatore anziano), Momo-Er (La Terra), accompagnati dai musicisti, guidano lungo le strade in automobili decorate con fiori ed invitano tutti nella piazza centrale, in cui avviene la celebrazione principale.
In questi tredici giorni di festeggiamenti nazionali, le tavole imbandite delle famiglie uzbeke dettano le leggi della convivialità e della coesione familiare e sociale. Tavole addobbate con simboli precisi e irrinunciabili, come uno specchio che “rifletta” il passato e nello stesso tempo “mostri” un futuro sereno e propizio. Candele accese, la cui fiamma simboleggia il fuoco, tour uzbekistanelemento di purificazione dal male. A tavola non deve mancare un’ampolla dentro la quale vengono bruciati aromi d’incenso. Un vaso pieno d’acqua deve contenere all’interno un pesce vivo, i cui vivaci guizzi, sono augurio di lavoro ed abbondanza economica. Nell’imbandire la tavola (dastarkhan) della Festa, sono d’obbligo sette piatti, il cui nome in lingua Farsi, cominci con la lettera “S” e sette piatti con le lettere ”sh”, che raccolgano al loro interno elementi fondamentali della cucina uzbeka, come aglio, aceto, bacche di spincervino, frumento germogliato, mele, e varie qualità di erbe fresche. Naturalmente non è festa se la tavola non è allietata da un buon vino, dai dolci tipici del momento, dal miele, dal latte e dal riso. Ma una cosa caratterizza la tavola di questa festa nazionale uzbeka, ed è la preparazione del sumalaq, fatto con germogli di frumento e farina, che simboleggiano la vita eterna. Il sumalaq richiede 24 ore di preparazione, fino a che non raggiunge la consistenza di una massa vischiosa e solida. Viene cotto in grandi tegami di rame, nel cui fondo sono depositate piccole pietre rotonde che impediscono alla massa vischiosa di bruciare. Se un commensale trova nel suo piatto una di quelle pietre, la buona fortuna è senza dubbio dalla sua parte per tutto il nuovo anno a venire. Nell’Uzbekistan indipendente, la Festa nazionale di Navruz ha favorito la coesione ed il senso d’appartenenza in questa repubblica multirazziale e multietnica. Un momento di ritualità e commemorazioni allietato da balli e canti in tutto il paese, che favoriscono la condivisione di un’identità costruita con arti e tradizioni popolari sedimentate da popoli dell’Asia Occidentale e Centrale, nonché popolazioni del vicino Medio Oriente. Vivere bene, ossia nell’amicizia, nella gioia, nel divertimento e nell’abbondanza, la tanto attesa festa uzbeka della primavera, è buon presagio, e soprattutto un ottimo augurio per un anno all’insegna di una vita serena.

 

 

Scarica qui in formato WORD il documento completo con le proposte viaggio a Samarcanda e in Uzbekistan 2017


Scarica qui in formato PDF il documento completo con le proposte viaggio a Samarcanda e in Uzbekistan 2017

 

viaggi in Uzbekistan, luoghi dell' Uzbekistan, mete turistiche dell' Uzbekistan, attrazioni dell' Uzbekistan, attività sportive in Uzbekistan, sport in Uzbekistan, associazioni sportive in Uzbekistan, attività ricreatiche in Uzbekistan, gite turistiche in Uzbekistan, tours in barca a vela in Uzbekistan, offerte turistiche in Uzbekistan, hotels uzbeki, operatori viaggi uzbeki, musei dell' Uzbekistan, folklore uzbeko Comunicato stampa a cura della Camera di Commercio italo-uzbeka
L'Asia Centrale protagonista negli scenari culturali ed economici internazionali

Riceviamo e pubblichiamo due interessanti comunicati stampa a cura della Camera di Commercio italo-uzbeka a testimonianza di quanto sia attiva questa nazione dell'Asia Centrale negli scenari culturali ed economici.

Il primo riguarda le donne imprenditrici nell'Uzbekistan, mentre il secondo la partecipazione di questo paese al Festival Internazionale del Folklore di Aviano.

LA FESTA DI NAVRUZ: CELEBRAZIONE DELLA VITA
Quando, il 21 marzo di ogni anno, secondo il calendario astrologico, il sole entra nel segno dell’Ariete, in Uzbekistan si celebra l’antichissima festa di Navruz. E’ una festa celebrata da tutto il popolo uzbeko da più di 2500 anni. Di importanza non trascurabile, per quel che riguarda il sentimento di appartenenza identitaria del popolo uzbeko, il Navruz ha contribuito al recupero di tradizioni, arte e folklore interpretati in senso nazionalistico. Così l’antico storico greco Strabone, ha descritto la celebrazione di Navruz: “Dai tempi antichi fino ad oggi la gente di Transoxiana si raccoglieva nel tempio del fuoco proprio in questo giorno. Questa è la più sacra delle feste, i commercianti chiudono il proprio negozio e gli artigiani arrestano il proprio lavoro. Ognuno si diverte, offrendosi, l’un l’altro, bevande e alimenti che siano stati toccati dal fuoco”. Le origini di Navruz sono, senza dubbio, persiane e sono collegate alla dottrina ideologica di Zoroastro, che contrappone la luce alle tenebre, la vita alla morte, la materialità alla spiritualità.
Soffermiamoci sul significato etimologico della parola Navruz, che vuol dire “nuovo giorno”. La festa che, per il popolo uzbeko, segna l’inizio del nuovo anno, è un momento particolarmente propiziatorio perché festeggia l’aumento delle ore di luce rispetto a quelle di buio, che proprio nel solstizio di primavera, il 21 marzo, diventano numericamente uguali.

Il Navruz sotto questo aspetto, deve essere visto come la celebrazione della vita che rinasce, riconducibile alle manifestazioni del risveglio della natura, dell’agricoltura, e quindi all’intensificarsi delle relazioni umane, sollecitate dal prolungarsi delle ore di luce. Un’antica festa di masse, di propiziazione vegetale, che simboleggia nella sua ricorrenza stagionale, una ritualità di comportamenti ed atteggiamenti dettati dai valori che caratterizzano l’identità etnica del popolo uzbeko, specchio di sincretismi culturali, per le convivenze multietniche prodottesi all’interno di questo paese situato sulla Via della Seta. Per il popolo uzbeko il 21 marzo rappresenta un giorno di “spaccatura” tra il vecchio ed il nuovo. Con l’inizio della produzione agricola, la terra seminata germoglia i suoi frutti, nella rinascita alla vita, al rinnovamento, nonché alla gioia e alla spensieratezza. E’ su queste note di positività che la Festa pagana di Navruz struttura i suoi significati simbolici più antichi e profondi. Le festività si svolgono durante le ore del giorno e coinvolgono interi nuclei familiari (hashar). Il 21 marzo scandisce l’inizio delle celebrazioni, che si protraggono per tutti i 13 giorni successivi. La “rinascita” investe in pieno la vita della gente. Le case sono pulite minuziosamente. La biancheria è lavata e riordinata. Vengono buttate le cose vecchie e logore, come vestiti e mobili. Si comprano semi di alberi da frutto da piantare nel giardino della propria abitazione. I rami dei peschi, del mandorlo e del melograno che hanno prodotto boccioli dai brillanti colori pastello, vengono mirabilmente composti in vasi, per far entrare in casa quel senso di colorata allegria primaverile. E’ doveroso comprare nuovi vestiti da indossare durante le celebrazioni della festa. Indossare un abito “nuovo” rientra nei progetti propositivi che caratterizzano il tempo di Navruz, contribuendo all’augurio di ogni sorta di bene e positività. Con il “nuovo” abito si andrà a rendere visita a parenti ed amici, anche a coloro con cui si è in inimicizia, perché il Navruz rompe con il passato ed apre alla riconciliazione. Chi ha litigato deve far pace. Chi ha debiti, deve saldarli. Chi non ha perdonato, deve perdonare. Tutto ciò ha un parallelismo con la simbologia della luce che trionfa sul buio, nutrendo la vita e l’amore. Nei parchi e nelle piazze, circondate da alberi in fiore, tutti godono una esaltante allegria. I personaggi tradizionali, Bahor-Hanum (La Primavera), Dehkan-Bobo (Il Coltivatore anziano), Momo-Er (La Terra), accompagnati dai musicisti, guidano lungo le strade in automobili decorate con fiori ed invitano tutti nella piazza centrale, in cui avviene la celebrazione principale.

In questi tredici giorni di festeggiamenti nazionali, le tavole imbandite delle famiglie uzbeke dettano le leggi della convivialità e della coesione familiare e sociale. Tavole addobbate con simboli precisi e irrinunciabili, come uno specchio che “rifletta” il passato e nello stesso tempo “mostri” un futuro sereno e propizio. Candele accese, la cui fiamma simboleggia il fuoco, elemento di purificazione dal male. A tavola non deve mancare un’ampolla dentro la quale vengono bruciati aromi d’incenso. Un vaso pieno d’acqua deve contenere all’interno un pesce vivo, i cui vivaci guizzi, sono augurio di lavoro ed abbondanza economica. Nell’imbandire la tavola (dastarkhan) della Festa, sono d’obbligo sette piatti, il cui nome in lingua Farsi, cominci con la lettera “S” e sette piatti con le lettere ”sh”, che raccolgano al loro interno elementi fondamentali della cucina uzbeka, come aglio, aceto, bacche di spincervino, frumento germogliato, mele, e varie qualità di erbe fresche. Naturalmente non è festa se la tavola non è allietata da un buon vino, dai dolci tipici del momento, dal miele, dal latte e dal riso. Ma una cosa caratterizza la tavola di questa festa nazionale uzbeka, ed è la preparazione del sumalaq, fatto con germogli di frumento e farina, che simboleggiano la vita eterna. Il sumalaq richiede 24 ore di preparazione, fino a che non raggiunge la consistenza di una massa vischiosa e solida. Viene cotto in grandi tegami di rame, nel cui fondo sono depositate piccole pietre rotonde che impediscono alla massa vischiosa di bruciare. Se un commensale trova nel suo piatto una di quelle pietre, la buona fortuna è senza dubbio dalla sua parte per tutto il nuovo anno a venire. Nell’Uzbekistan indipendente, la Festa nazionale di Navruz ha favorito la coesione ed il senso d’appartenenza in questa repubblica multirazziale e multietnica. Un momento di ritualità e commemorazioni allietato da balli e canti in tutto il paese, che favoriscono la condivisione di un’identità costruita con arti e tradizioni popolari sedimentate da popoli dell’Asia Occidentale e Centrale, nonché popolazioni del vicino Medio Oriente. Vivere bene, ossia nell’amicizia, nella gioia, nel divertimento e nell’abbondanza, la tanto attesa festa uzbeka della primavera, è buon presagio, e soprattutto un ottimo augurio per un anno all’insegna di una vita serena. RITI E SIMBOLISMI IN UZBEKISTAN
Il paesaggio umano dell’Uzbekistan è caratterizzato dalla coesistenza di differenti etnie, gruppi che nel tempo si sono stanziati su questo territorio, tappa importante della Via della Seta. Caratteristiche di questa regione dell’Asia centrale sono le differenziazioni identitarie che hanno prodotto sincretismi culturali tra simboli orientali ed occidentali. La prova di questo clima, ancora oggi riscontrabile, sono le stesse descrizioni che già Marco Polo ha riportato nei suoi appunti di viaggio. Tuttavia nel processo storico dell’Uzbekistan, fu l’islamizzazione la vera forza universale di coesione, che portò ordine in un contesto sociale, diciamo, confuso. Questo processo divenne irreversibile, di forte impatto a tutti i livelli societari, tanto da saper resistere ai tentativi dei colonizzatori russi,. I valori e gli orientamenti comportamentali dettati dal credo religioso, costituiscono a tutt’oggi il consenso collettivo a riti e rituali culturali, espressioni sociali caratterizzanti le popolazioni dell’Asia Centrale e dello stesso Uzbekistan.

Prenderemo ora in considerazione i più significativi riti di passaggio: matrimonio, nascita, circoncisione e morte, come modelli espressivi e consolidati della cultura uzbeka.
Il matrimonio rappresenta intrecci di alleanze tra famiglie, ed è organizzato rispettando precisi momenti che strutturano il rituale. Di solito è la famiglia dello sposo a scegliere la futura moglie. I parenti dello sposo si recano in casa della futura sposa, secondo il rito Fatiha tuy, a chiedere la mano della ragazza. Se la famiglia della giovane scelta acconsente, il patto di promessa viene sigillato con la rottura di una focaccia, secondo il rituale Non sindirish. In seguito alla promessa di matrimonio, viene fissata la data delle nozze e le famiglie assumono così l’obbligo morale inderogabile di rispettare il patto concordato. Le nozze in Uzbekistan sono celebrate con grande solennità. Sono i genitori della sposa che vestono il futuro marito con il sarpo, l’abito nuziale. Davanti al Mullah gli sposi sono dichiarati marito e moglie e ricevono da questi la benedizione di lunga felicità, prosperità e numerosa prole. Subito dopo, presso l’ufficio delle registrazioni civili, lo ZAGS, gli sposi legittimeranno l’unione, anche sotto il profilo normativo. Secondo un’antica tradizione zoroastriana, ancora oggi molto rispettata dagli uzbeki, la nuova coppia non entra nella nuova casa, senza il rituale propiziatorio di purificazione, che consiste, per i novelli sposi, nel girare tre volte intorno ad un fuoco che arde di fiamma viva e scoppiettante. Con il rito d’ingresso: Kelim salomi, la mattina successiva alle nozze, la sposa è accolta nella famiglia dello sposo, acclamata da tutti i parenti e gli amici dello sposo, che esprimono il loro gioioso consenso con festosi regali.

Come per il matrimonio, la nascita di un bambino è un evento molto atteso. E quando avviene, nel quarto giorno dalla nascita, i parenti della giovane madre esprimono la loro gioia con il rito Beshik tui, portando come consuetudine di buon augurio al nuovo nato una culla di legno ornata con disegni dipinti. Il nuovo nato, fasciato dalle donne presenti, viene adagiato nella culla e presentato in forma ufficiale a tutti i parenti ed amici. Questa ritualità ha un’importanza non trascurabile, perché attraverso di essa il clan familiare accoglie al suo interno il bambino, frutto dell’unione legittima. Prima che la fanciullezza abbia termine, al bambino sarà praticato l’antico rito islamico santificato della circoncisione: Hatna Kilish, che segna la separazione dal mondo asessuato e l’ingresso nel mondo sessuale. Si tratta di una vera e propria festa. In presenza degli anziani del vicinato il bambino legge alcuni versi della sura. Gli anziani danno la loro benedizione e all’improvviso compare uno stallone tutto decorato con finimenti e nastri coloratissimi, sulla cui groppa viene messo il futuro “uomo”, a cui tutti augurano di diventare un uomo forte ed un onorato cavaliere.

Nei riti di passaggio, la morte di un parente stretto per gli uzbeki viene vissuta attraverso tre momenti. Il giorno del funerale è il momento della separazione momentanea. Passati 20 giorni dal giorno della morte del defunto, i parenti si ritrovano tutti intorno ad una ricca tavola imbandita per commemorare lo scomparso. Inizia, da questo momento, “l’attesa” della separazione definitiva dal defunto, che avviene ad un anno dalla sua morte, sempre con tutti i parenti riuniti intorno ad una ricca tavola imbandita. Da questa brevissima sintesi sui riti che in un certo senso scandiscono momenti importanti di vita della gente uzbeka, si evince anche quanto la simbologia del “dono”, inteso come scambio materiale e di valori nelle relazioni sociali, costituisca la base della socialità della gente uzbeka. Il semplice gesto “dell’inchino silenzioso”, accompagnato dalla mano sul cuore, è un atto di donazione profonda della propria riconoscenza ed ammirazione, caratteristico della cultura asiatica. Attraverso un simbolismo rituale da rispettare si perpetua nel tempo una struttura sociale coesa, in cui i simboli sono più reali di ciò che simboleggiano, come è abbastanza riscontrabile in tutta l’area dell’Asia centrale. Il senso dell’ospitalità è intrinseco nella mentalità della gente uzbeka. La comunità dei vicini, il Mahallya, antichissima unità strutturale, vigila sul rispetto dei costumi e delle tradizioni, ed interviene affinché l’ospitalità sia rispettata. Il Mahallya è così la cellula di quartiere, al di sopra degli individui stessi, garante di questi momenti che scandiscono le ritualità di passaggio, forme importanti di vita quotidiana ed aggregativa, che strutturano l’identità distintiva della popolazione dell’Uzbekistan.



Home Servizi ON-LINE! Contatti Area Downloads Visti per la russia Viaggi in camper in russia Privacy Condizioni generali di vendita
SanPietroburgo.it s.r.l. - Via San Senatore n. 2 - 20122 Milano - Tel: 02-867211 / 02-84256650 - Fax: 02-700434094

ORARI APERTURA: lunedi/venerdi 9-19.00 orario continuato, sabato 9.30 - 12.30

1999 - 2017© Copyright -  Sito realizzato da 650Mb web agency - made in Salento 
Page Rank Check
Contatta sanpietroburgo.it
anche su:
Sanpietroburgo.it su facebook Sanpietroburgo.it su Twitter Sanpietroburgo.it su Flikr Sanpietroburgo.it su myspace Sanpietroburgo.it su You tubeSanpietroburgo.it su Bliklist Sanpietroburgo.it su BiggerPocket Sanpietroburgo.it su B Kontakte Sanpietroburgo.it su Viaggiatori.net Crocierissime.it